Mantova… colpito e affondato!


MANTOVA   –  DELTA PORTO TOLLE   0 – 1


Ottima presenza di pubblico al Martelli, giornata soleggiata, terreno in buone condizioni. Si parte ed è il Delta che porta il primo affondo verso la porta difesa da Salsano, tiro di Gattoni e palla che si alza sopra la traversa. Tra il pubblico locale cori ininterrotti verso l’ex biancorosso Fissore. Ci prova Franchin da lunga distanza, nulla di fatto. Delta che sembra  non aver nessun timore riverenziale, si muove bene sia in fase avanzata che in difesa. Fase di gioco che il Mantova fatica a digerire anche per il pressing deltino sui portatori di palla. 17° angolo deltino, Alessandro incorna e palla che sibila vicinissima alla traversa. 20° grande occasione mantovana su tiro di Palma, pallone diretto all’incrocio causa ina deviazione ma Bala è reattivo e riesce a toccare quel tanto  evitando una rete certa. Continua a  tenere bene  il campo il Delta ed il Mantova stenta  a trovare varchi efficaci. La partita  sembra incattivirsi con il pubblico molto offensivo anche verso l’arbitro, il quale ha il suo ben daffare per mantenere l’incontro sul piano della correttezza. 45° Punizione di Guazzo, respinge la barriera, riprende lo stesso giocatore il cui tiro viene deviato in angolo.Due minuti di recupero e tutti negli spogliatoi. Prima frazione di gioco con un buon possesso palla del Mantova ma che non ha avuto nessun sbocco importante. Si riprende e mister Cioffi procede subito a tre sostituzioni, entrano Barone, Saporetti e Carrasco, per Guazzo, Riccò e Homohoniria, riconfermando il 3-5-2. Angolo per il Mantova, colpo di testa di Debeljuh, fuori di poco. 57° gran tiro di Saporetti, traversa piena con Bala che sembra averla toccata. Si arriva al 63° ed il Delta va in gol, Capogrosso guadagna metri, dal fondo mette in area piccola dove Vuthaj, anticipa  tutti e depone in rete. Stenta a riprendersi il Mantova ma è proprio adesso che il Delta deve raddoppiare le proprie forze. Mantovani che si riorganizzano ma non trovano lo spunto vincente. 82° Miracolo di Bala su colpo ravvicinato di Debeljuh. Virgiliani che ora spingono ma la retroguardia deltina è ben disposta. Aldrovrandi reclama per una trattenuta in area, per l’arbitro è simulazione e fa cenno di continuare. Cinque minuti di recupero ed i padroni di casa hanno l’occasione del pari, colpo di testa di Carrasco, gran volo di Bala (oggi davvero insuperabile) e palla in angolo. Al 95° termina l’incontro  con un gran applauso ai giocatori deltini da parte dei loro tifosi  al seguito. Vittoria che ci voleva per dimenticare in fretta la prestazione  piuttosto incolore  fatta precedentemente con il Tamai.

MANTOVA: Salsano, Palma (25°st Raggi), Debeljuh, Aldovrandi, Guazzo (1° st Barone), Franchini, Omohoniria (1° st Saporetti), Correa, Riccò (1° st Carrasco), Berozzini, Cascone. Allenatore Cioffi.

DELTA PORTO TOLLE: Bala, Capogrosso, Cavallini, Presello, Tarantino, Gattoni, Alessandro (1°st Vuthaj), Mboup, Karapici (47° st  Menini), Dalla Vedova (42° st Selimi), Arvia. Allenatore Tessarin.

Marcatori: 63° Vuthaj (D).

Angoli 7 -5. Ammoniti Guazzo(M), Karapici e Tarantino(D).

Arbitro Sig. Giacomo Casalini di Pontedera.


Spogliatoi

Mister Cioffi (Mantova)

Per quanto visto in campo  il risultato negativo ci penalizza, Il Delta è vero  ha giocato una gran partita difensiva poco concedendo e quando ha concesso ci siamo trovati davanti un Bala davvero strepitoso. Dopo un primo tempo giocato  così e così, nella seconda frazione abbiamo abbiamo creato alcune situazioni pericolose, traversa di Saporetti, due occasioni con Debeljuh che da posizione vicinissima alla porta non è riuscito a spingere la palla in rete.Poi come già detto il loro portiere ha parato l’impossibile. Dispiace  perché in questo campionato è la terza volta che manchiamo il mpoker di vittorie, forse non siamo ancora maturi per il salto di qualità.

 

Mister Tessarin(Delta)

Evidentemente sono soddisfatto di come si è espressa la squadra, tutti e dico tutti hanno meritato questo successo. Ho visto la squadra con mentalità giusta, sapevamo che l’incontro era molto delicato, lo abbiamo preparato nel migliore dei modi . Loro sono una compagine  piena di grandi individualità e noi li abbiamo affrontati con la determinazione e la cattiveria agonistica che in simili incontri bisogna mettere in campo.Il risultato ci appaga molto e ci da grande fiducia per i prossimi incontri. Dobbiamo invertire riotta negli incontri casalinghi, dove sono stati buttati al vento punti importanti.


FRANCO LODI