Il Delta lascia al Calvi via libera

DELTAPORTOTOLLE – CALVI NOALE  1 – 2

Altra sconfitta del Delta tra le mura di casa. Terreno di gioco al limite della praticabilità. Al 6° Baldrocco ha la palla buona per portare in vantaggio i suoi, salva Mboup sulla linea di porta. Al7° su angolo per il Calvi tiro di Gentina, respinge Bala riprende Baldrocco che da buon ex realizza ma non esulta. Cross in area veneziana salta Mboup e palla fuori di poco. Al 30° fallo su Mboup in piena area, ci potrebbe stare il rigore ma non per l’arbitro. Si infortuna Calcagnotto costretto ad uscire in barella. Cavallini al cross, testa di Capogrosso fuori. Il Delta che gioca nella parte peggiore del campo e contro vento, fatica ad impostare il gioco e l’avversario si rende pericoloso prima con Tonani con un colpo di testa e poi con Baldrocco che da buona posizione mette sopra la traversa. Delta che prova a fare la partita ma paradossalmente è il Calvi a creare più pericoli a Bala e compagni. Si riprende e Gherardi sostituisce Cavallini, tra gli ospiti fuori Fiorica entra Zender. Preme il Delta alla ricerca del pari, Vuthaj  di testa impegna Fortin. 10° Presello al cross  e Vuthaj questa volta non sbaglia, tiro di prima intenzione ed è il pari. Ci prova Gattoni con un tiro appena dentro l’area, palla che non inquadra la porta. 28° Arvia mette palla in area piccola, stacco di Gherardi, fuori di pochissimo. Punizione per il Noale, para Bala senza difficoltà. Due occasioni per Baldrocco, prima impegna Bala poi da ottima posizione spara sopra la traversa. Al 39° il Delta capitola, staffilata di Tonani dai diciotto metri che piega le mani al portiere deltino, Noale in vantaggio. Pochi minuti alla fine e poche le speranze deltine per arrivare al pari. Finisce con la grande delusione  del pubblico bassopolesano.

DELTA PORTOTOLLE: Bala, Capogrosso, Cavallini (1°st Gherardi), Tarantino, Gattoni, Mboup, Selimi, Dalla Vedova (1° st Presello), Arvia (40°st Pasi), Menini, Vuthaj (34° st Alessandro) Allenatore TESSARIN.

CALVI NOALE: Fortin, Zanetti, Taddia, Vianello, Toso, Calcagnotto (35° pt Griggio), Fiorica (1°st Zender), Gentina (30° st Rigon), Tonani, Franciosi, Baldrocco (45° st Colli). Allenatore PIANU.

Marcatori: 7° pt Baldrocco (CN), 10° st Vuthaj (D), 39° st Tonani (CN).

Angoli 6 -3. Ammoniti: Menini, Cavallini e Gattoni(D), Tonani e Griggio (CN).

ARBITRO sig.Rispoli Giuseppe di Locri.

FRANCO LODI  


Spogliatoi

Mister Pianu

Vittoria strameritata, cinque occasioni nettissime da gol, contro una squadra che ha molti punti più di noi. Sono soddisfatto della prestazione e di come i miei si sono meglio adattati alle condizioni del terreno di gioco e come hanno risposto alle mie sollecitazioni. Stiamo lavorando bene e se continuiamo su questa strada  possiamo farcela a raggiungere il traguardo che ci siamo prefissati. Vittoria questa che ci da una enorme fiducia. Fortin Alla mia età  se non ci fosse la voglia avrei smesso. Credo in questi ragazzi ,alcuni risultati ci hanno penalizzato , siamo in credito con la fortuna. La partita l’abbiamo preparata bene, sapevamo delle qualità del Delta ma nella partita abbiamo messo qualcosa in più dell’avversario  meritando, a mio dire, la vittoria.

 

Baldrocco

Al Calvi mi trovo bene, il mio gol iniziale ha un po’ messo in crisi l’assetto del Delta. Stiamo lavorando bene e la nostra posizione in classifica fa si che centuplichiamo le forze contro qualsiasi avversario. Il pareggio deltino, anziché abbatterci  ci ha spronato a credere nell’impresa e continuare a credere soprattutto nella salvezza.

 

Mister Tessarin

Bravi loro ad andare in vantaggio, forse la voglia di fare risultato sul nostro campo ci ha fatto perdere un po’ di lucidità. A pareggio raggiunto abbiamo provato di vincere la partita ma non ci siamo riusciti. Purtroppo non riusciamo  a fare prestazioni valide in casa nostra. Poi il campo in queste condizioni non ci ha favorito, spezzettando spesso la manovra .Nello spogliatoio c’e grande amarezza tra i giocatori, sembra un paradosso ma con squadre più blasonate dimostriamo tutte le nostre qualità, qualità che spesso non si vedono al Cavallari.