FANTASTICO RECUPERO DELTINO NEL DERRBY CON L’ADRIESE

DELTA PORTO TOLLE – ADRIESE 4 – 4

Pubblico delle grandi occasioni al “Cavallari” per un derby molto atteso e sentito.Terreno allentato dalla pioggia ma che regge bene. Ospiti che si presentano con la stessa formazione vittoriosa con il Bolzano. Mister Zattarin con Meucci e Malagò a centrocampo, Nobile e Gherardi prime punte, difesa con linea giovane. Prime fasi di studio, squadre che cercano di individuare quali siano i giusti varchi da sfruttare. Al 7° Adriese al tiro con Del Carro, para Pigozzo. 10° ospiti in vantaggio Aliu suggerisce per Marangon che entra in area e batte Pigozzo. Partita già in salita per i deltini. Una punizione di Malagò viene respinta da Motti. 30° altra punizione per il Delta, batte Pandiani, destro a giro e Motti si supera mettendo in angolo quattro minuti e i granata raddoppiano, un rinvio di Boccafoglia carambola su Marangon (tocco di mano) e la palla si infila in rete. Sfortunato il Delta in questa occasione. Sembra chiusa la partita quando al 38° Aliu con un tiro cross coglie Pigozzo impreparato ed il tre a zero è cosa fatta, partita compromessa, no perché sul finire del tempo, Nobile in percussione viene atterrato in piena area, rigore che Gherardi trasforma. Si va al riposo sul 3 a 1 un risultato che penalizza i deltini più del dovuto. Si riparte ed è ancora Nobile sugli scudi prima con un tiro che Motti ribatte in angolo, poi servito da Meucci al momento di concludere viene steso dal portiere granata, rigore che, Gherardi lo spreca alzando palla sopra la traversa. Occasione sprecata ma il Delta ci crede. Marangon ha l’occasione giusta per andare in gol ma Pigozzo ci mette una pezza. Al 15° Turea riapre la partita con un gran diagonale con Motti a raccogliere nel sacco Dai che si può sperare. 21° Buratto, taglia come il burro la difesa deltina e fa poker. Non è finita, il Delta punta sull’orgoglio comincia a macinare e mettere apprensione all’avversario. Ci crede Malagò che al 75° scodella in area, gran confusione e palla che entra a fil di palo dove Motti non può arrivarci. La tifoseria deltina alle stelle, spinge i propri beniamini a completare l’impresa. 42° gran cross di Gurini e Gherardi per un niente manca la deviazione risolutiva. Non demorde il Delta, Adriese sulle spine ed in riserva di energie, cross di Turea, respinta di Meneghello palla che perviene a Meucci, gran bordata e Motti è trafitto, pareggio ampiamente meritato e che ha messo in mostra un Delta tutto cuore e determinato anche quando tutto sembrava ormai deciso. Tanti e tanti applausi del pubblico all’indirizzo dei biancazzurri per aver assistito ad un incontro che sarà ricordato per diverso tempo.

DELTA PORTO TOLLE: Pigozzo, Gurini, Oberrauch (15°st Sarr), Meucci, Boccafoglia, Sirigu, Turea, Malagò, Gherardi, Pandiani, Nobile. Allenatore Zattarin

ADRIESE: Motti, Anostini (46° st Del Piccolo), Boscolo Bisto, Boscolo Berto, Del Carro (26° st Busetto), Meneghello, Boreggio (19° st Scarparo), Buratto, Aliu, Marangon , Santi (17° st Pagan). Allenatore Florindo.

Reti: 10° Marangon, 34° Marangon, 39° Aliu, 42° Gherrardi, 15 st Turea, 28° st Buratto,32°st Malagò, 43°st Meucci.

Angoli 3 – 3 ammoniti: Oberrauch, Nobile, Pandiani e Malagò (D) e Anostini, Boscolo Berto, Motti e Scarparo (A). Espulsi mister Zattarin e Sane dalla panchina.

Arbitro Sig: Nicolini Stefano di Brescia.

FRANCO LODI


Spogliatoi

Mister Florindo (ADRIESE): “Non sono del tutto soddisfatto, partita particolare questo derby, certamente sul 4 a 2 abbiamo commesso alcune ingenuità e ci siamo deconcentrati. Potevamo gestirla meglio la gara a quel punto. Il Delta dopo il terzo gol ci ha creduto ed ha ottenuto ciò che voleva. Primo tempo giocato bene dai miei, nella seconda frazione, con il campo più pesante abbiamo perso alcune nostre qualità, come la velocità di manovra ed oltre tutto facevamo fatica a temere palla. Diciamo un pari sudato e guadagnato dal Delta che non ha mai mollato, e per noi una ottima occasione sprecata, dobbiamo migliorare molto sotto l’aspetto dell’esperienza”

ALIU: “Forse ci siamo adagiati un po’ sul doppio vantaggio ed il Delta con una grande reazione è riuscito a recuperare la partita. Nella ripresa hanno dimostrato una grande determinazione tutta rivolta ad ottenere un risultato di prestigio. Sul gol, l’intenzione era di un cross area ma appena ho calciato ero certo che la palla sarebbe entrata in rete. Partita che certamente ha risposto alle aspettative del numeroso pubblico presente e Delta che non merita la classifica che si ritrova.”

Mister Zattarin: “I ragazzi hanno giocato con gran cuore e attaccamento alla maglia. Partita che, soprattutto nella ripresa, è stata anche una prova di qualità, siamo riusciti a andare oltre l’ostacolo. Il secondo gol di Marangon, fortunoso e viziato da un fallo di mano non rilevato. E’ anche vero che in qualche occasione abbiamo peccato di concentrazione, certo che andare al riposo sul 3 a 1 è stato un risultato un po’ bugiardo per quello che si era visto in campo. Nella ripresa vi è stata una grande reazione specialmente dopo aver subito il quarto gol, abbiamo terminato l’incontro mettendo alle strette la forte avversaria. Credo che i tifosi possano essere soddisfatti della nostra prova. Noi tutti li ringraziamo per il loro incessante apporto che ci accompagna costantemente. Visti i progressi di questi ultimi incontri nutro grande fiducia per le prossime sfide.”

Meucci: “L’errore sul secondo rigore direi che ci ha dato una carica improvvisa. Tante volte siamo noi stessi a metterci in difficoltà, ora con questa partita dovrebbe iniziare una svolta positiva. Dobbiamo prendere coscienza della nostra forza. Non faccio proclami, prima mettiamoci al sicuro e poi vediamo dove è possibile arrivare. Certo che aver recuperato sul tre a zero qualcosa ci deve pur aver insegnato ed è su questa strada che dobbiamo continuare, mai timorosi ed arrendevoli contro ogni avversario. Il mio gol una rivincita personale.