IL DELTA AD ARZIGNANO VINCE E CONVINCE

ARZIGNANO VALCHIAMPO– DELTA PORTO TOLLE  3 – 4

L’incontro con l’Arzignano era temuto stante la caratura dell’avversario e del suo momento positivo. I bassopolesani hanno messo la giusta mentalità condita anche da un grande spirito di sacrificio, gettando tutte le loro forze per vincere l’importante incontro. Partita dalle mille emozioni ma  risultato più che meritato, anche in considerazione che il Delta ha giocato per circa venti minuti della ripresa in inferiorità numerica. Si parte e già al 10°  biancazzurri in vantaggio, punizione di Malagò, palla fermata con un braccio da un difensore  vicentino, per l’arbitro è rigore che Traini realizza. 18° Gurini fa fuori Panzani, entra in area  e lo stesso difensore  lo stende, rigore sacrosanto, ancora Traini ed ancora gol. Per i locali si fa dura ma tanto è il tempo che rimane e tutto può succedere. Al 28° dimezza le distanze l’Arzignano, Buratto a Valente, palla ancora a Buratto  che sottomisura realizza. Azioni da una parte e dall’altra ma il risultato rimane ancorato sul vantaggio deltino. Inizia la ripresa con l’Arzignano determinato ad agguantare il pari  ma pure il Delta non scherza ribattendo colpo su colpo. Al 23° il Delta triplica con un gran gol di Malagò, tiro imparabile e nulla da fare per Tosi. Partita finita, macchè, al 26° arriva un rigore a favore dei ragazzi di mister Di Donato per fallo di Sirigu su Odogwo, batte lo stesso Odogwo e realizza il gol del 2 a 3, Sirigu non può evitare l’espulsione. Venti minuti alla fine con il Delta in dieci uomini. Spinge l’Arzignano alla ricerca del pari, prima Maldonado poi Odogwo quindi Serrouk, appena entrato ad impegnare una difesa deltina molto attenta. Al 43° Maldonado  con un tiro da circa trenta metri mette in rete dove per Pigozzo è impossibile arrivare. Il pari sembra ormai il risultato finale ma l’ultimo scatto e Delta, 47° va in gol co Koliatko (entrato al posto di Sottovia) che sfrutta una amnesia difensiva locale. Ultimo brivido per il Delta, 52° su tiro di Hoxha mezzo miracolo di Pigozzo. Ora si che l’incontro è finito, grande gioia tra i biancazzurri e gran festa tra i tifosi bassopolesani al seguito. Partita che ha messo a dura prova le coronarie delle rispettive tifoserie. Con questo risultato il Delta fa un bel balzo in classifica ed ora attende il S. Georgen, tra le mura di casa, per una conferma.  

ARZIGNANO: Tosi, Spaltro, Panzani, Maldonado, Munaretto, Ferri, Valenti, Parasecoli (13° st Hoxha), Odogwo, Fracaro ( 34° st Serroukh), Burato, ( 18° st Forte). Allenatore Di Donato.

DELTA PORTO TOLLE: Pigozzo, Gurini, Boccafoglia, Turea, Tarantino, Sirigu, Pandiani, Malagò, Traini (18° st Gherardi), Sottovia (28° st Koliatko), Anarfi (33° st Sarr). Allenatore Zattarin.

RETI: 10° e 18° pt Traini su rigore, 28° pt Burato, 23° st Malagò, 26° st Maldonado(rigore), 43° Maldonado, 47° Koliatko.

Ammoniti: Traini, Sirigu Pigozzo per il Delta. Epulso al 26° st Sirigu.

Arbitro sig. Daniele Cannata di Faenza.

FRANCO LODI


SPOGLIATOI:

DELTA – MISTER ZATTARIN

“Abbiamo fatto una gara molto positiva. L’incontro stava per essere rovinato dall’arbitro con l’assegnazione di quel rigore che non c’era e la conseguente espulsione di Sirigu. Avevamo in mano la gara e sono stati bravi i miei , pur ridotti in dieci, a crederci sino alla fine. Tanti gol equivalgono a tante emozioni. I  tanti attaccanti messi in campo hanno significato che credevamo nella vittoria e anche a correre qualche rischio ci stava. In definitiva costruita una vittoria più che meritata. Ora guardiamo al prossimo incontro, si deve tornare a vincere tra le mura di casa  per dare una certa continuità ai nostri risultati, evitando certi errori che si sono commessi contro la Clodiense. Ragazzi motivati al punto giusto e pronti a far gioire i propri sostenitori.”