TERZA VITTORIA CONSECUTIVA E BUON SALTO IN CLASSIFICA

DELTA PORTO TOLLE – SAN LUIGI 3 – 1

Mister Pagan conferma in parte la formazione vincente con il Vigasio, eccetto il ritorno di Rosso che ha scontato la giornata di squalifica. Raimondi parte dalla panchina così pure il nuovo acquisto Vita.

Si inizia ed è subito Delta, gran servizio di Episcopo per Sarr che da buona posizione spara sopra la traversa. Ci prova Mortaro, il suo tiro è ribattuto da Vittore. Altro servizio di Episcopo per Mortaro, gran fendente e fuori di poco. 13° angolo per il San Luigi batte Villanovich resinge Mortaro. Una punizione per il Delta battuta da Pasi non da nessun esito. 18° il San luigi passa in vantaggio, cross in area deltina, respinge Mboup, riprende Carlevaris, gran stoccata e Bala è battuto. Il Delta non demorde al 24° Episcopo al cross, calibra bene in area, testa di Rosso para D’Angolo. 37° Mortaro al tiro, parata a terra del numero uno ospite. 44° sfortunato il Delta, Malagò al tiro con palla diretta all’incrocio ma casualmente è Rosso che trovandosi sulla traiettoria la devia in modo casuale. Tutti al riposo.

Si riprende e Mister Pagan procede ad un paio di cambi, dentro Telesi e Raimondi fuori Rosso e Mortaro. Anche Mister Sandrin cambia Mazzoleni e Disnam rilevano Muiesan e Vittore. Sembra ora più determinato il Delta che mette più di una volta in sofferenza la difesa ospite. Al 24° Telesi salta il proprio controllore che non trova di meglio che metterlo a terra in piena area, rigore netto che Pasi trasforma. Spinge ancora il Delta con Telesi che mette in area una invitante palla, nessun deltino raccoglie il suggerimento. 27° azione personale di Raimondi, conquista palla sulla trequarti, galoppata e giunto al limite dell’area scocca il tiro risolutore, a D’angolo rimane solo di raccogliere la palla nel sacco. L’avversario è alle corde, Telesi al tiro respinta del portiere triestino. Il delta cerca il tris mentre il San Luigi si getta con tutti i suoi all’attacco in cerca del pari, lasciando sguarnito il reparto difensivo. Al 48° in piena zona di recupero Telesi prende palla su ottimo servizio di Raimondi gran galoppata e passaggio risolutivo a Pellielo che non perdona, fissando il risultato sul 3 a 1. Vittoria meritata, bella reazione deltina nella seconda frazione di gioco, determinanti anche i cambi effettuati da Mister Pagan.

DELTA PORTO TOLLE: Bala, Maistrello, Sarr, Pellielo, Mboup, Cuccato, Episcopo, Malagò (20° st Vita), Rosso (1° st Telesi), Pasi (40° st Castellan), Mortaro (1° st Raimondi). Allenatore PAGAN.

SAN LUIGI: D’Angolo, Berisha, Vittore (17° st Disnam), Male, Cecchini, Giovannini, Aboulai (44° De Pasnfilis), Villanovich (33° st Bertoni), Carlevaris, Muiesan (16° st Mazzoleni), Grujic. Allenatore SANDRIN.

Reti: 18° pt Carlevaris (S.L) – 24° st Pasi (D) su rigore, 27° st Raimondi (D), 48° st Pellielo ( D).

Ammoniti: Pasi, Pellielo, e Raimondi per il Delta, Grujic, Disnam, Giovannini, Male per il San Luigi. Angoli 4 – 2.

Arbirto sig: Gianluca Rossi di Pesaro:


SALA STAMPA.

Mister Sandrin (San Luigi):

“Non posso dire niente ai ragazzi, siamo stati bravi a far gol e sul 2 a 1 per il Delta ci è capitata l’occasione di pareggiare ma l’abbiamo fallita. In questo campionato gli episodi a nostro sfavore sono stati molti. Dopo la sonora sconfitta con il Feltre la reazione della mia squadra è stata buona. Per il San Luigi fare la serie D è un premio, lo sapevamo che sarebbe stata dura e per questo non ci piangiamo addosso. Le possibilità della società sono queste che avete visto e confermo quindi che non interverremo sul mercato invernale, continueremo con gli stessi giocatori cercando di ottenere qualche soddisfazione in più.”

Mister Pagan (Delta):

“Direi che all’inizio siamo partiti fortissimo e meritavamo il gol con le occasioni create ma non siamo stati bravi a sfruttarle a dovere. Poi come spesso accade su un unico tiro dell’avversario siamo andati sotto. Dopo il loro gol ci siamo un po’ persi, la rete ha minato le nostre certezze. Però i ragazzi sono stati bravi a riprendersi quasi subito prima a rimettere in piedi la partita e poi farla propria. Dobbiamo ancora crescere ed affrontare gli incontri con la giusta cattiveria, cercando di ragionare quanto basta per evitare errori. L’avevo detto prima delle difficoltà di questa partita, vi erano insidie nascoste, mai credere che vi siano incontri facili e già vinti. Stiamo assestando la nostra classifica e questo è un fatto estremamente positivo anche per l’autostima dei miei giocatori .”

FRANCO LODI